Grotta di San Giovanni d’Antro

Estate in Antro

La Grotta di San Giovanni d’Antro diventa fulcro e teatro di eventi culturali e sportivi che traggono suggestione da questo sito dove natura, storia, fede, arte e mito s’incontrano e si fondono in un insieme unico e straordinario. 

La Grotta d’Antro è il baricentro naturalistico delle incontaminate Valli del Natisone.
Grotta viva, modellata e solcata dalle acque, è abbracciata dal verde del bosco e si spalanca su un’imponente parete calcarea.
Per le sue caratteristiche e la sua accessibilità, è il posto ideale per esperienze sportive immersi nella natura: da avventurose esplorazioni speleologiche ad arrampicate sulla falesia, da gite a tema in e-bike a passeggiate sulle orme della mitica Regina Vida.
Ecco il calendario degli eventi sportivi “Estate in Antro”:

Q

Passeggiata "Estate in Antro"

 

  • 28 Maggio 2022
  • 11 Giugno 2022

E-Bike "Estate in Antro"

 

  • 26 Giugno 2022
  • 02 Luglio 2022
  • 16 Luglio 2022
  • 23 Luglio 2022

Climbing Kids "Estate in Antro"

 

  • 04 Giugno 2022
  • 02 Luglio 2022
  • 17 Settembre 2022
  • 01 Ottobre 2022
Q

Speleologia "Estate in Antro"

 

  • 23 Luglio 2022
  • 13 Agosto 2022

La Grotta di San Giovanni d’Antro

Raggiunto da Tarcetta il silenzioso borgo d’Antro, che domina il dolce fondovalle percorso dal Natisone, un breve e suggestivo sentiero nel bosco conduce in una decina di minuti alla scalinata della Grotta di San Giovanni d’Antro o Landarska Jama. Affrontare questi ottantasei ripidi gradini significa cominciare un viaggio nel tempo, in un’incredibile stratificazione di natura, storia e arte che affonda le sue radici in epoche remote, di oscura interpretazione. Posta a 348 metri sul livello del mare, la grotta è in primo luogo un complesso mondo ipogeo, scavato dal flusso delle acque e snodantesi nel cuore del monte Craguonza per vari chilometri. In questo straordinario scenario naturale, la presenza dell’uomo è attestata da epoche remote: dai cacciatori nomadi del Neolitico, le cui tracce sono state quasi annientate dalle piene del torrente sotterraneo, agli insediamenti e agli edifici sacri di età storica. Già fortezza inaccessibile durante la dominazione romana, forse la grotta divenne in seguito luogo di culto ariano e poi sede di monaci bizantini in epoca pre-longobarda.

Il passaggio da una dimensione cultuale pagana a quella cristiana è supportato da indizi rilevanti, come la dedica della chiesa ai Santi Giovanni Battista ed Evangelista, in genere indicativa di preesistenze eretiche. Ipotesi, evocazioni, suggestioni fanno di San Giovanni d’Antro non solo il luogo più magico delle Valli del Natisone, ma anche un vero e proprio abisso senza fondo di storia e di cultura.

Eventi correlati

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.